REGOLAMENTO DEL CODICE DEGLI APPALTI: FINALMENTE IL "SI" DELLA CORTE DEI CONTI

Dopo ben tre anni di attesa ieri la Corte di Conti ha dato finalmente il via libera al regolamento del codice degli appalti. Volge, così, al termine il lungo iter di questo provvedimento rimasto intrappolato alla Corte dei Conti per ben tre anni.

Ma sul punto critico del regolamento, ovvero il conflitto tra imprese generali civili e imprese specialistiche per l'accesso al mercato, la Corte dei Conti comunque non ha messo la parola fine. Le sezioni riunite, infatti, hanno chiesto lo stralcio della parte del provvedimento in cui il Ministro delle Infrastrutture aveva scelto di rinviare ad un successivo decreto i criteri per accedere al mercato dei lavori specialistici. Tra le novità, invece, segnaliamo: - l'obbligo di far controllare e validare i progetti anhe sotto il profilo dei prezzi da organi terzi rispetto al progettista; - le sanzioni in vigore, da subito, per le imprese che non collaborano con l'Autorità di vigilanza (è prevista una multa fino a 25mila euro ed espulsione dal mercato in caso di comportamento recidivo), nonchè per le imprese che utilizzano certificati di lavori falsi (sanzione fino a 51mila euro più segnalazione nelle banhe dati). A questo punto non resta che attendere la pubblicazione in Gazzetta, attesa tra un paio di settimane, ed il decorrere di 180 giorni da tale data per avere una completa normativa sugli appalti.